Alla scoperta del Messico e della sua gastronomia

Un Paese affascinante, le cui origini si perdono nell'antichità più remota, il Messico rappresenta uno scrigno di tesori storico-architettonici e di cultura con pochi eguali al mondo. A tutto questo poi si aggiunge una gastronomia prelibata e assai particolare, che vale la pena scoprire direttamente nel Paese di origine, oppure in qualche ristorante messicano a Roma o in qualche altra città italiana, ormai diffusi e soprattutto apprezzati.

Ciò che affascina del Paese centramericano è la sua cultura millenaria, combinazione di quell'antichissima e ormai quasi perduta delle civiltà Azteca e Maya da un lato e spagnola dall'altro. Un mescolio di tradizioni, culture e storie che fanno del Messico un Paese unico e particolare. Andiamo a scoprirlo da un punto di vista originale, come quello della sua gastronomia, anch'essa frutto dell'intreccio delle tradizioni tipiche pre-colombiane prima e di quella ispanica poi.

 

Periodo pre-colombiano e la conquista spagnola

Durante il periodo più florido di queste antiche civiltà (dagli ultimi secoli prima di Cristo fino al XV° d.C.), ciò che si mangiava era frutto soprattutto della terra: quindi l'alimentazione si basava principalmente sul mais, sui fagioli, sulla zucca, a cui si aggiungevano notevoli quantità di erbe, peperoncino, di frutta locale, quali ananas ed avocado, e qualche porzione di carne, in particolare di tacchino. I piatti quindi erano molto semplici e con alimenti provenienti dalla natura circostante.

Con l'arrivo dei conquistatori spagnoli, nei primi anni del XVI° secolo, a questa alimentazione indigena vennero associati altri prodotti, portati appunto dai navigatori ispanici, quindi riso, cipolle, aglio, a cui si aggiunsero diversi tipi di carne come quella di maiale, di manzo, di pollo, oltre naturalmente al vino. L'associazione e l'intreccio di queste due tradizioni culinarie diverse produssero in seguito una gastronomia mista, che ha attraversato i secoli ed è arrivata fino a noi.

La cucina messicana odierna

Il risultato di questo miscuglio, che nel corso del tempo si è evoluto, si può scoprire e gustare ad esempio nelle Quesadillas, una tortilla (una sorta di piccola focaccia, rassomigliante alle piadine) di mais o farina a cui si abbinano formaggio tipico, il Queso Blanco, diversi tipi di carne come quella di pollo, maiale e manzo, delle verdure varie come cavolfiori e broccoli, e l'immancabile peperoncino locale.

Altra pietanza tipica messicana sono i Frijoles, una sorta di crema cotta di fagioli, a cui si aggiungono vari tipi di spezie. Questa viene fritta nell'olio e poi fatta gustare assieme a piccole porzioni di tortillas. Tuttavia, come in altri Paesi, anche in Messico i piatti tendono a variare in base alle località. Infatti, nella zona settentrionale è diffusa la carne di manzo e le pietanze in quest'area ne fanno ampio uso. Nella parte meridionale del Paese, invece, si utilizzano maggiormente pollo e verdure, a cui si abbinano spezie piccanti.

   

Articolo creato 25

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close